il-cane-alfa:-miti-e-fatti-sull'addestramento

Ci sono masse di opinioni diversificate quando si tratta di preparare i cani, e queste differenze si dilettano nel precipitare un innegabile rovina nel mondo dell’addestramento dei cani. Potrebbe esserci un annuncio che può farti piacere mettere tre addestratori di cani in una stanza collettivamente, la cosa più comoda su cui saranno d’accordo è che i due diversificati sono ostili. Potrebbe esserci del vero in questo, ma mentre il dibattito infuria, la scienza sta rivoluzionando la nostra nozione di abitudini dei cuccioli e ribaltando la bilancia nella direzione di una portata più ovvia e umana che chiamo “coaching ovvio”.

Dopo che sono diventato un addestratore di cani nel corso di 20 anni in passato, l’industria del dog coaching si è trasformata in allettante nella direzione di un manichino extra umano. Per quanto corretto come il coaching ovvio si è trasformato in un guadagno di reputazione, le tecniche punitive sono riemerse di nuovo in una prova in stile americano di dog-coaching, in un contesto di coaching ovvio intorno agli anni. L’American Veterinary Association, l’American Veterinary Society of Animal Behaviorists e l’American Humane Association erano state tra le molte istituzioni diverse a suonare l’apprensione, ma il successo era già stato eseguito. Allo stesso tempo, la mia prova It’s Me or the Dog è passata dal Regno Unito all’America, offrendo agli spettatori americani un antidoto al coaching punitivo dimostrando che ai cani forse verrebbe anche insegnato a comportarsi senza la voce del potere, indipendentemente dall’età, dal rapporto sessuale , razza o disciplina. I 2 campi di addestramento dei cani ora avevano i loro sbandieratori molto pubblici e il dibattito continuava a infuriare.

Che cosa pensa il branco?

Maturo il coaching basa masse di tecniche su ciò che viene chiamato “pacchetto di pensiero”. Istruttori maturi indirizzano i partecipanti a essere “capibranco” utilizzando strumenti e tecniche progettati per esercitare il dominio e lo sgradevole sopprimendo il desiderio creduto del cane di dominare i partecipanti ed essere essi stessi capibranco. Questo getta i semi della sfiducia e porta i partecipanti a raccontare tecniche che presumibilmente dimostrano la loro caratteristica di capibranco. Una metodologia è chiamata Alpha roll: se un cane si comporta male, viene trattenuto con forza sul suo favore o sfaccettatura finché non si sottomette. Questa energica sottomissione intimidisce e generalmente ferisce il cane inducendolo a obbedire.

Che cosa fa un Alpha a dire il vero

I termini “Alpha ” e “capobranco” si dilettano, a loro volta, come parolacce all’interno dell’ovvio mondo del coaching a causa del grande successo che argomentano. La nota Alpha è in assoluto prima di registrare un cane o uno che esercita con forza la riduzione dell’occhio sugli altri, ma a dire il vero un Alpha non deve più far parlare di potenza. La corretta gestione è dimostrata insegnando e influenzando le abitudini degli altri senza parlare di potere, una cosa che la maggior parte dei fan dei cani comprenderebbe ragionevolmente. Allora perché il piacere di alcuni partecipanti è stato così ostile?

Il pensiero del branco e l’uso improprio della nota Alpha è in parte dovuto alla valutazione inadatta eseguita sui lupi in cattività all’interno del 1970s di David Mech, uno scienziato senior con la US Geological inciampare. Non sapeva che la sua valutazione si era modificata per innescare una tempesta di smarrimento all’interno del mondo del dog coaching.

Per adottare questo progetto di valutazione, i lupi di branchi diversificati erano stati costretti a rimanere collettivamente in modo che i ricercatori forse potessero anche avere un’idea più approfondita di come lavoravano i branchi di lupi. La violenza risultante per costruire il dominio all’interno del branco in cattività si è modificata in uno studio vigoroso ei risultati sono stati applicati anche alle abitudini del cane. Tuttavia, se i ricercatori desideravano inciampare su come funzionava un fedele branco di lupi, erano diretti nella direzione ostile a causa del loro esperimento modificato in base ad alcune ipotesi assolutamente inadatte.

Prima di tutti i pezzi , i cani non sono più lupi. Considerando che i canini hanno ridotto alcuni tratti del lupo, 15,000 anni di addomesticamento li ha modificati in molte rotte di scambio , sia corporeo che comportamentale. In secondo luogo, ciò che i ricercatori avevano osservato dopo aver studiato i lupi in cattività si è modificato nelle abitudini di un branco disfunzionale e si è modificato in questa disfunzione che ha accelerato la violenza. Da allora David Mech ha spiegato questo errore sottolineando che, “Quando si mette una comunità casuale di qualsiasi specie collettivamente artificialmente, questi animali saranno naturalmente in concorrenza con ogni diversificato”.

Continua a definire che un branco naturale è composto da un genitore e dalla sua prole. Questo branco sopravvive ragionevolmente e gode di una famiglia umana in cui i vecchi hanno le caratteristiche di gestione e i bambini si applicano. In un branco naturale, la violenza non è più tradizionale e l’unità si crea a causa di comportamenti di sottomissione liberamente dati dai lupi più giovani, piuttosto che essere costretti a loro dai nebbiosi. Questa deferenza evita lo smash che comprometterebbe i mezzi del branco per cacciare la preda con successo. Quindi, quando gli umani si sforzano di dirigere la loro situazione Alpha sui loro canini usando tecniche di godimento del tiro Alpha, non sono più Alpha per niente, ma replicano le caratteristiche di un bullo da branco. E per quanto riguarda essere un capobranco? Ordinatamente, i canini sono adorabili e sanno benissimo che gli umani non sono più canini. Come possono i partecipanti essere capibranco dopo aver esaminato e comportato in modo diverso?

Un branco naturale di lupi è composto da un genitore e dalla loro prole.

Ovvio contro punitivo

Potrebbe esserci una lunga strada tranquilla da percorrere quando si tratta di sorprendenti tecniche di coaching punitivo e uso improprio delle parole a letto una volta per tutte, ma fino ad allora procederò ad alzare la bandiera per l’ovvio campo di coaching. Il coaching ovvio cerca di compilare relazioni con i cani basate sulla fiducia reciproca, ricompense motivazionali e nozioni. Come scambio di abitudini negative punitive, i formatori ovvi lavorano per cercare ciò che ha accelerato le abitudini e adottano tecniche umane per modificarle e scambiarle. I risultati sono valutarlo. I cani che saranno positivamente informati sono più sicuri, tolleranti, autocontrollati e prevedibili in scenari diversificati.

Come afferma David Mech, “Questa disciplina non è senza dubbio quella della semantica e della correttezza politica . È indubbiamente uno di correttezza biologica che coglie proprio le caratteristiche biologiche e sociali degli animali, preferendolo a perpetuare un pigolio imperfetto.”

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − dieci =