l'uomo-che-ha-picchiato-il-suo-cane-riceve-“la-sentenza-piu-significativa”,-ma-non-e-abbastanza

Un cane più giovane di nome Angie è un soldato. Negli ultimi anni ne è stata molto, ma nonostante tutto continua a mostrare comportamenti amorevoli e pieni di speranza. A gennaio 2000, i rapporti hanno riconosciuto che Angie era stata maltrattata dal suo essere umano. Considerava l’adorazione di essere sul punto di morire, quindi gli agenti l’hanno sequestrata all’individuo.

Ci sono voluti circa due anni prima che Angie ottenesse giustizia. Il suo aggressore sta ora affrontando punizioni, che sono presumibilmente tra le più dure condanne per crudeltà sugli animali nella storia del Quebec. Tuttavia, i seguaci del cane in tutto l’ambiente concordano sul fatto che l’individuo merita sanzioni extra rispetto a quelle che ha comprato.

Abused dog before
Fb

Long Slack Justice

Quando gli ufficiali si sono imbattuti per la prima volta su Angie in 2020, aveva un chiodo forato, smalto rotto, diverse fratture e una ferita sulla sua testa. Veniva inviata per ricevere cure veterinarie di emergenza mentre il suo essere umano veniva indagato. L’SPCA di Montreal ha considerato dopo di lei un giorno della sua guarigione.

“Il cane era esposto in un’osservazione scadente in un sangue -imbevuto a casa da agenti di sicurezza degli animali”, ha riconosciuto l’SPCA. “Dopo il loro arrivo, gli ufficiali si sono imbattuti in un animale torpido con una ferita forata, quasi metà dello smalto rotto e una ferita originaria sul cranio.”

Angie si è sottoposta a molte terapie cliniche prima di quanto non fosse pronta a partire per una casa per sempre. Ora vive con una famiglia amorevole che l’ha adottata. Hanno riconosciuto che ama coccolarsi con loro e godersi la neve, quindi non permette più al suo tragico precedente di preservare il suo assist.

Montreal SPCA entrance
immagine dello schermo , montreal.ctvnews.ca

Non è stato tranne il 7 dicembre, 2021, che l’aggressore di Angie si è dichiarato responsabile. Ha ammesso di “provocare volontariamente angoscia, sofferenza o ferite inutili a un cane”. La sua sentenza è sostanzialmente una delle punizioni più importanti in archivio per la crudeltà verso gli animali in Quebec, ma molti pensano che non sia più sufficiente.

I cani meritano Meglio

La persona responsabile per aver abusato di Angie ha acquistato una detenzione a medio termine di 7 mesi. Inoltre non gli è più consentito possedere un animale domestico o risiedere negli stessi locali di uno per il successivo 01 anni.

Le regole canadesi sulla crudeltà verso gli animali stanno migliorando costantemente, ma il Quebec è la provincia con le punizioni più clementi . Se il caso fosse accaduto in Ontario, la sua condanna sarebbe stata più vicina a due anni. Molti seguaci di cani accettano come vero con il fatto che deve disattivare l’audio durante la detenzione extra nel tempo intermedio per le sue azioni imperdonabili.

Abused dog after
Fb

I funzionari ricordano al pubblico che in nel caso in cui esplorino un caso di abuso di animali, devono archiviarlo. Molti cani non ottengono giustizia per questa capacità che nessuno testimonia o denuncia l’abuso. Purtroppo, i cani non possono esclamare per se stessi, quindi dobbiamo esclamare per loro.

La punizione per l’abuso di Angie potrebbe anche sembrare minore per quello che ha fatto, ma senza dubbio è meglio di niente sanzioni. In Quebec, questa frase è considerata un successo in termini di benessere degli animali. Fiduciosamente, questo caso attenderà che le regole sulla crudeltà verso gli animali si trasformino in ancora più rigorose nei rifiuti.

H/T: montreal.ctvnews.ca

Immagine in primo piano: Fb

1642015999603

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 5 =