7-cose-che-dovresti-sapere-sulla-lettura-delle-etichette-degli-alimenti-per-animali-domestici

Puppy Eating

Thinkstock

1. Nutrire uno schema alimentare che è preciso alla fase di stile di vita del tuo animale domestico.

Le esigenze dietetiche del tuo gatto o cane si alterneranno durante i suoi stili di vita. Una linea di base ideale per capire quali alimenti potrebbero anche soddisfare queste esigenze è l’osservazione dell’adeguatezza nutrizionale dell’Associazione degli ufficiali dell’amministrazione dei mangimi americani (AAFCO). L’affermazione apparirà sull’etichetta dei pasti se l’AAFCO ha la certezza che lo schema alimentare contenga tutti i nutrienti entro l’effettiva stabilità per soddisfare le esigenze dietetiche di un animale durante la gestazione/allattamento, la crescita, il mantenimento o tutte le fasi dello stile di vita. L’affermazione si estenderà per esprimere che ciò è stato certo in base a uno dei due aspetti: che lo schema alimentare è stato formulato per soddisfare i profili dietetici per la fase di stili di vita e le specie indicate o che lo schema alimentare ha consegnato prove di alimentazione per articolare che fornisce un ampio schema alimentare.

Two Cats Eating Food

Thinkstock

2. Inventare non essere troppo presi dalla lista degli ingredienti.

Con la tecnica di valutare il prezzo dietetico di un pasto, non focalizzarsi troppo sulla lista degli ingredienti. Le vitamine sono più predominanti delle sostanze, che sono veicoli appropriati per le sostanze nutritive – e probabilmente probabilmente non spiegheresti sempre quale ingrediente contiene più nutrienti rispetto a un altro. Le sostanze sono elencate nell’istruzione discendente in base al peso, con molte sostanze minori “dal suono chimico” elencate nella direzione della chiusura. Ma Amy Farcas, DVM, DACVN, uno specialista certificato dal consiglio di amministrazione in programmi alimentari dall’American College of Veterinary Programma di riduzione del peso, afferma che “presumibilmente probabilmente non dovresti nemmeno pensare a queste sostanze, poiché tonnellate di loro sono in in realtà vitamine e minerali predominanti.”

Two Cats Eating Food

Thinkstock

3. Renditi conto che i sottoprodotti non sono fondamentalmente cattivi.

Ci sarebbero forse tonnellate di chiacchiere – e pareri apparentemente senza fine – sui sottoprodotti. AAFCO definisce i sottoprodotti come “prodotti secondari prodotti oltre al prodotto vitale”. Questo potrebbe anche includere organi, tonnellate dei quali sono pronti per essere nutrizionalmente apprezzati. “Che potresti immaginare che ci siano molte forme assortite di organi e che presumibilmente sarebbero diversi dal punto di vista nutrizionale”, spiega il dott. Farcas. “Quindi presumibilmente sarò in una situazione per fare una combinazione di spiegazione, polmoni e stout. E questo potrebbe essere un pasto secondario. Ma dal punto di vista nutrizionale, sarebbe molto diverso da una cosa che contiene cuore e fegato, che sarà molto più grande nello schema alimentare e nel contenuto di minerali e meglio nelle proteine. Ognuno di questi oggetti è chiamato farina di sottoprodotto sull’etichetta.”

Two Cats Eating Food

Thinkstock

4. Inventare conservanti che non facciano paura.

Essenzialmente basati totalmente sul Dr. Farcas, alcuni conservanti chimici erano sicuri di essere protetti per gli animali. Quindi non ci sarà fondamentalmente un motivo per tagliare completamente il prezzo dei conservanti chimici. Tranquillo, mentre produci fai l’alternativa non pubblica per appendere pasti per animali con conservanti puri più pratici, chiedi al tuo veterinario quale forma alimentare e suggerimenti per conservarla. Un esempio: devi avere un cane in miniatura, non rubare grandi sacchi di crocchette che possono scadere prima di quanto le consumi.

Organic Pet Food

Thinkstock

5. Sii esperto quando si tratta di affermazioni di marketing.

Nella maggior parte dei casi l’imballaggio delicato sui pasti per animali domestici pubblicizza frasi come biologico, puro, di grado umano, di prima classe, olistico o ogni altro aggettivo che potresti presumibilmente presumibilmente anche immaginare. Ma produrre questi termini in realtà hanno che capacità? La dott.ssa Ann Hohenhaus spiega che la definizione della durata organic è determinato dal National Natural Program, che è amministrato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Pure è molto complicato: l’AAFCO ha una definizione particolare della lunghezza di tempo, tuttavia la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha rifiutato di chiarirlo. E il rilassamento di questi termini? Alcuni non hanno minimamente alcuna definizione concordata. Quindi è opportuno tenere a mente il fatto stesso che un pasto con un’affermazione di marketing simile potrebbe anche non essere il più realistico per il tuo animale domestico.

Thinkstock

6. Sappi che non tutte le forme di proteine ​​sono identiche.

Devi ammirare per desiderare di avere un dialogo con il tuo veterinario sulle esigenze proteiche del tuo animale domestico, altrimenti è fondamentale raccogliere suggerimenti per giudicare le proteine ​​eccellenti. Il Dr. Farcas dice: “Le proteine ​​sono raccolte di amminoacidi, e quella proteina deve essere digeribile per istruire il corpo ad assorbire questi amminoacidi. Se c’è una tonnellata di una cosa di cui non abbiamo bisogno, e non abbastanza di una cosa di cui produrre il fabbisogno, quindi non è una fonte proteica straordinariamente ideale, perché probabilmente vorresti consumarne tonnellate per soddisfare la quantità minima che è nella quantità minima. Il Dr. Farcas condivide tre questioni predominanti che i proprietari di case di animali domestici devono assolutamente conoscere sulle proteine:

Thinkstock

7. La quantità corretta per nutrire il tuo animale domestico potrebbe presumibilmente essere assortita rispetto ai consigli sull’etichetta.

Alcune etichette sull’animale domestico pasti potrebbe anche ciondolare istruzioni su come nutrirsi, ma si potrebbe tranquillamente trovare sempre le istruzioni del veterinario sulla frazione precisa imparziale al proprio animale domestico. Il tuo veterinario sa quanta energia e quali nutrienti richiedono il tuo gatto o cane. Molti veterinari daranno suggerimenti (o modificheranno i suggerimenti esistenti) per le quantità da somministrare in base alla classifica della situazione fisica di un gatto o di un cane.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 5 =