dobbiamo-opporci-all'ingiustizia-verso-gli-animali:-rip,-desmond-tutu

L’attivista sudafricano per i diritti sociali Desmond Tutu, morto all’età , ha lottato contro l’apartheid, la povertà, il razzismo e l’omofobia, e la sua campagna non si è limitata a popolare. La sua posizione sui diritti degli animali era inoltre molto convincente.

Nella prefazione a The Global Manual to Animal Security di Andrew Linzey

, ha scritto quanto segue:

In sostanza ho passato la mia esistenza a combattere la discriminazione e l’ingiustizia, sia o ora le vittime non sono più nere, femmine, o gay e lesbiche. Nessun essere umano deve essere bersaglio di pregiudizi o oggetto di diffamazione o negare i suoi diritti tradizionali. Posso anche adesso non venire più dal vissuto con me stesso, come cristiano e come vescovo, se mi fosse sembrato il vario richiamo. Tuttavia, l’impresa di combattere l’ingiustizia è l’amore che combatte un’idra a più teste. Mentre un’invenzione dell’ingiustizia sembra essere vinta, un’altra prende il suo posto. Anche supponendo che il galoppo dello sviluppo sembri interminabilmente prolungato, siamo in grado di informarci con la sensazione che le ingiustizie nei confronti di esseri umani assortiti siano quanto meno all’ordine del giorno, o per lo più.

Ma ce ne sono di varie preoccupazioni di giustizia – ora non sono più corrette per gli esseri umani ma anche per le varie creature senzienti del regno. Il tema dell’abuso e della crudeltà che infliggiamo ad animali assortiti deve combattere per attirare la nostra attenzione in quella che a volte sembra un’agenda già troppo appropriata. È di gran lunga più importante, tuttavia, che questi casi di ingiustizia potrebbero anche essere taciuti, ora non possono più essere trascurati.

In sostanza vengo visto in prima persona come l’ingiustizia non verrà curata quando le vittime sono impotenti o inclini, una volta che producono ora non vengono più da nessuno per comunicare per loro e nessun componente di rappresentarsi a un’autorità migliore. Gli animali sono solo in quel punto. A meno che non siamo completamente consapevoli delle loro attività e comunichiamo ad alta voce per loro conto, abusi e crudeltà scompaiono incontrastati.

Possiamo tutti continuare l’eredità dell’arcivescovo Tutu parlando ad alta voce contro ogni tipo di discriminazione e oppressione, incluso lo specismo.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 4 =