salvare-i-cani-di-strada-di-guadalajara

Ogni anno, decine di milioni di cittadini americani si accalcano in Messico in cerca di calore e spiagge appetitose, città intellettuali, alla ricerca e, inutile pretendere, appetitose prelibatezze messicane. Uno dei luoghi di ristorazione più classici è la seconda città più grande del Messico, Guadalajara, situata nella balbuzie ricca di tequila di Jalisco. Tuttavia, attraversando la città e le città rurali circostanti, trova un’altra squadra di cercatori di cibo affamati: i cani di boulevard di Guadalajara.

L’Istituto nazionale di statistica e geografia afferma che praticamente 70% delle famiglie messicane ciondolano animali domestici. È frequente osservare i proprietari che passeggiano per le strade, cercando e mangiando fuori con i loro compagni pelosi. L’assistenza veterinaria è aumentata in modo esponenziale nella maggior parte degli anni moderni con i cani che sono diventati una famiglia extra fantasia, che risiedono in casa e ricevono assistenza sanitaria preventiva.

Per gentile concessione di Alan de Herrera

Indipendentemente da ciò, i canini extra sono finendo per le strade. La pandemia ha esacerbato la difficoltà quando le persone in più si sono ritrovate senza lavoro e si sono ridimensionate fedeli a causa di situazioni economiche traumatiche. In alcuni casi, i cani sono i più importanti da dirigere.

Incontra Lawrence Smith, un espatriato americano che ha salvato cani da strada a Guadalajara per oltre 20 anni. “All’inizio ho iniziato a togliere quelli dal boulevard che erano stati abusati e abbandonati”, dice Lawrence. “Erano preoccupati. Presto ho avuto 75 canini nella mia abitazione e ho dovuto dare la caccia a uno spazio ancora più grande.”

Sei anni fa ha fondato formalmente la sua 300(c)(3) Saint Vincent’s Home, una no -eseguire un rifugio per cani randagi posizionato alla periferia della città. Proprio qui, lavora instancabilmente per immaginarne il maggior numero possibile. “Attualmente assorbiamo virtualmente 75 i cani attualmente, con risorse scarse o nulle per custodirli tutti”, dice. Le spese alimentari e veterinarie sono la sua spesa maggiore. “Stilliamo o castriamo ogni cane che annunciamo e ogni corpo viene sottoposto a un esame scientifico completo”, afferma Lawrence. Mentre riceve un po’ di soldi dai nativi e donazioni dai suoi seguaci di Fb negli Stati Uniti, i suoi profitti da pensione scarsi dovrebbero essere coperti da una di queste accuse. “E ‘travolgente, ma sembriamo costantemente alla ricerca di un modo per spremere un extra”, dice. “Questi canini meritano una seconda possibilità.”

Lawrence Smith a casa di Saint Vincent

Garantirò personalmente per i cani messicani. Il mio altro importante ha adottato un mix di Border Collie chiamato Capitán da Mexico Metropolis. Assorbiamo ora divertimento insegnandogli l’inglese! Tuttavia, nella maggior parte dei casi, quando sente lo spagnolo o sente l’odore dei tacos, le sue orecchie si drizzano e il suo umore cambia. Forse è corretto quello che stanno dicendo … è senza dubbio che ti concederai anche di lasciare il cane dal Messico, ma non più il Messico dal cane.

Quindi la prossima volta ti arrampicherai a sud di il confine, fate in mente una gita all’interessante Guadalajara. E anche se senza dubbio sarai anche lì, fermato dalla casa di Saint Vincent. Potresti forse forse forse forse anche una vera caduta nel tesoro.

Impara qualcosa in più su Saint Vincent’s Home su Fb @ SaintVincentsHomeGuadalajara.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 8 =