vittoria-per-i-conigli!-armani-si-libera-dall'angora-dopo-i-colloqui-con-peta

Lime perfette per i conigli! A seguito dei colloqui con PETA, l’Armani Neighborhood – i cui marchi iconici comprendono Giorgio Armani, Emporio Armani, EA7 e Armani Swap – ha confermato di aver vietato l’uso dell’angora nelle future collezioni. L’azienda ha applicato un divieto di pelliccia in 2016.

Di recente, i clienti in voga socialmente insonni non vogliono niente da inventare con un’industria che strappa i capelli ai nostri corpi di conigli completamente insonni. PETA sta celebrando la decisione di Armani di estendere la sua copertura senza pellicce all’angora e incoraggia tutti i designer a usarla silenziosamente per stare al passo con i tempi.

Cosa c’è di malsano con l’angora

Come pubblicato in un PETA Asia exposé, la maggior parte dei conigli danneggiati per l’angora sono allungati per tutto il progetto da tavole e i loro capelli vengono strappati mentre piangono in ansia.



Altri sono legati prima che la loro pelliccia sia ridotta o rasata, e i loro pori delicati e la pelle siano ridotti provengono dagli strumenti di intrattenimento mentre combattono disperatamente per fuggire. Soffrono davvero questa agonia ogni tre mesi.

Armani si unisce a marchi alternativi di alta gamma – insieme a Valentino, Gucci, Diane von Furstenberg, Calvin Klein, Burberry, Tommy Hilfiger e Stella McCartney – che si sono impegnati a non promuovere l’angora dopo aver sentito le entità della PETA .

Cosa c’è dopo?

Poiché una forma crescente di designer italiani e le proprietà di moda stanno affermando no a pellicce, angora e altri materiali rubati agli animali, è tempo che la legislazione italiana si compili con i tempi che cambiano e vietare gli allevamenti di animali da pelliccia.

Eseguire un’azione per timbrarlo si verifica:

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + 18 =