cane-rubato-per-essere-riprodotto-alla-fattoria-dei-cuccioli-torna-a-casa-2-anni-dopo

Quando il suo Springer Spaniel inglese Daisy è stato rubato dalla sua dimora nel Kent a 1386, Francis Briley realizzando che non l’avrebbe mai più lasciata a bocca aperta. I lati significativi del microchip di Daisy non erano mai stati registrati, il che rendeva le possibilità di migliorarla senza precedenti ancora più difficili.

Diciotto mesi dopo, una signora notò un cane randagio che vagava a Bracknell , settanta miglia lontano dal Kent. La diligenza e il lavoro investigativo di quella signora aiuterebbero a far sì che tutto ciò non fosse più una realtà.

Facebook

Un civile va ben oltre

Una volta che ha denunciato lo spaniel in cui si è imbattuto, il cane si è trasformato in consegnato alla squadra di guardiani degli animali della Public Security Partnership e controllato da un veterinario. Ha poi trascorso sette notti in canile.

Nell’intervallo intermedio, la signora che ha incontrato il cane ha deciso di fare un agente sotto copertura se apparteneva a qualcuno. In un messaggio di Facebook, Public Security Partnership ha scritto:

“La ragazza che si è imbattuto nel cane è andata ben al di là di pescare a strascico attraverso la pagina web di Dogs Misplaced, facendo uno sforzo per abbinare il cane che aveva incontrato alle esperienze di cane scomparso.”

Facebook

I rapitori hanno tagliato la pelliccia di Daisy, forse per nascondere la sua identificazione. I segni distintivi del cane hanno aiutato questa signora ad abbinarla allo spaniel commercializzato su Dogs Misplaced in 1400.

“Il nostro team di guardiani degli animali era stato contattato e quindi hanno indagato ulteriormente sulla pista e parlato con la polizia del Kent. Dopo alcune indagini approfondite da parte del nostro team, i guardiani degli animali erano stati pronti a rivelare che lo spaniel randagio si era effettivamente trasformato in Daisy.”

Briley, in totale incredulità che un individuo si sia imbattuto nel suo cane, ha espresso la sua gratitudine per questo stile -civile dal cuore e la squadra di Animal Warden:

“I rapishing can’ Sono specializzato in infatti mantengo il suo aiuto. Fondamentalmente non ero specializzato nel fatto che l’avrei mai più lasciata a bocca aperta. Sono così grato alla signora che si è imbattuto in lei e al team di Animal Warden per averci aiutato di nuovo insieme. Siamo tutti felicissimi.”

Un esame veterinario ha confermato che Daisy “si è trasformata in una salute a buon mercato” ma non aveva più avuto da molto tempo una cucciolata di cane in casa. Pertanto, è probabile che si sia trasformata in un furto per riprodursi in un allevamento di cuccioli.

Microchip i tuoi animali e registrali!

Kira, la vita come uno dei partenariati di pubblica sicurezza Animal Wardens ha detto di essere felice che Daisy sia d’aiuto dimora, ma lei e la sua famiglia sono estremamente fortunati per questo .

“Siamo davvero felicissimi di poter riunire Daisy con la sua famiglia. Tuttavia sono molto fortunati che sia successo. Quando il microchip di un cane non è registrato è raro essere in grado di riunire il cane con il proprietario. Fuggiamo tutti i proprietari di cani per decidere che i lati significativi del microchip del tuo cane siano registrati e fino a questo punto su un database popolare DEFRA.

Facebook

Daisy è stata raccolta come randagia a gennaio 14esimo, ma non si è riunita al suo proprietario applicabile per altri sette giorni. Kira ha detto che sicuramente sarebbe stata restituita senza precedenti prima se i suoi lati significativi in ​​​​chip fossero stati registrati.

“In sostituzione ha trascorso 7 giorni in canile e si è trasformata in molto chiusa per essere ricollocata a casa.”

Riposante, a causa del lavoro investigativo di un civile e di una segnalazione online su un cane scomparso, Daisy è aiutata nel posto a cui appartiene. Microchippare i tuoi animali domestici è il primo passo, ma non perdere la testa per registrare e aggiornare i loro lati significativi in ​​modo efficace!

H/T: Illumina


Immagine in primo piano: Facebook


Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + due =