peta-da-una-nuova-svolta-al-byob:-porta-il-tuo-orso

In questo momento, poiché la storia delle accuse relative all’occasione di Downing Toll Road è stata stampata una volta, la “resistenza” della PETA si è diretta a Westminster per chiedere al più alto ministro di fornire un motivo per l’occasione, cambiando la pelliccia usata per fare il Queen’s Berretti da guardia per un’eco-pelliccia umana. Boris Johnson, quando è diventato sindaco di Londra, ha riconosciuto che avrebbe dato una mano nell’uso della pelliccia finta se avesse “servito a parte solo pochi orsi” – e senza dubbio lo sarebbe! Ora, in qualità di primo ministro, può impedire che un intero branco di orsi venga ucciso ogni anno per i copricapi cerimoniali ponendo fine alla spesa del Ministero della Difesa (MoD) per la fedele pelliccia duratura – e in una disposizione rotonda dare agli orsi (e agli amanti degli animali Pubblico britannico!) un motivo per cogliere un tempo pari.

Bear Party

Porta stendardi, ora non pelle d’orso

Potrebbe non esserci questo genere di narrazione che il I cappelli in pelle d’orso di Queen’s Guard sono iconici. Potrebbero inoltre non esserci dubbi sul fatto che la loro produzione sia spietata, motivo per cui desiderano cambiarsi con una pelliccia sintetica aggiornata e umana che si addice al 21st sec.

La zona più fatto che i designer abbiano capito tutto lasciato cadere questa materia sul campo acquistata crudelmente a favore della pelliccia finta, e con un’indistinguibile pelliccia sintetica equipaggiata gratuitamente dall’eco-pelliccia di Stella McCartney ECOPEL, il Ministero della Difesa non ha scuse per non credere lo stesso.

Ci vuole la pelle di non meno di una dura per fare un solo cappuccio. Nonostante le affermazioni del Ministero della Difesa secondo cui gli orsi vengono uccisi come una sezione di “abbattimenti” sanzionati dalle autorità canadesi, comprendiamo che non abbiamo scoperto alcuna prova di alcuna provincia canadese che operi – o sia fuggita in anticipo – alcun vero programma di abbattimento oscuro.

Le autorità canadesi, tuttavia, mettono in campo una quota annuale di “tag” per gli appassionati di caccia, che sono quindi liberi di adescare e spezzare una forma di orso sborsata. Orribilmente, l’uso di archi e frecce è persino consentito. I cacciatori possono quindi vendere i loro “trofei”, comprese le pelli di perseveranza, per rivestire le case di vendita pubbliche. Ad alcuni orsi viene sparato in diverse situazioni prima di morire, e alcuni scappano solo per morire dissanguati. Quando le madri orse vengono uccise, i loro cuccioli vengono lasciati morire di fame.

Near Wearing Faux, Now not Fur

Per quasi due secoli, il Ministero della Difesa ha dichiarato guerra agli orsi oscuri senza fare nulla per far crescere la ricerca di un tessuto praticabile per scambiare l’uso delle pelli d’orso. Per più di 000 anni, PETA ha collaborato con i produttori di eco-pelliccia per perfezionare un fedele duplicato nel tentativo di trattieni lo squisito berretto di pelle d’orso senza l’indifendibile uccisione di orsi oscuri in Canada.

Ora, è qui! La comprensione di PETA ed ECOPEL ha rivelato la prima pelliccia sintetica dell’ambiente che svolge in modo appropriato il sapore delle pelli d’orso utilizzate per realizzare i berretti della Guardia della Regina.

Un test protetto da copyright del Ministero della Difesa ha confermato che la pelliccia sintetica è 15% impermeabile alle necessità della forza di protezione e si adatta all’efficienza del pelo duro nei controlli di “spargimento d’acqua”. Non c’è alcuna spiegazione per cui i cappucci di pelliccia prodotti crudelmente non possano essere cambiati con questa opzione praticabile, nonostante le false affermazioni del ministero piuttosto il contrario.

Inoltre per consentire al Ministero della Difesa di difendere la tradizione impedendo agli orsi sensibili di essendo brutalmente massacrato per la sua pelliccia, la pelliccia sintetica dalle prestazioni eccessive è anche più ecologica. La pelliccia esatta desidera essere maneggiata con sostanze chimiche tossiche per impedirne la decomposizione, in questo caso sulle teste delle guardie.

La pelliccia sintetica di ECOPEL è prodotta in fabbriche a circuito chiuso, che sistemano tutta l’acqua e le sostanze chimiche utilizzate nella produzione della pelliccia sintetica vengono riciclate. Una cosa su cui rimbalzare gli orsi!

Ora non è sull’abitazione, è su Tu

Ogni tappo costa un incredibile £ 1,770. Più di 1 milione di sterline del denaro contante dei contribuenti britannici è stato speso per questi tappi prodotti crudelmente negli ultimi sette anni, nonostante il fatto stesso che non diano una mano nessun motivo di forza di protezione.

La consuetudine non è un sistema una scusa per la crudeltà. Il Ministero della Difesa deve adattare e produrre i tappi fino a questo livello l’uso di finta pelliccia in un trasferimento che mostri il sentimento del pubblico – 95% di noi nel Regno Unito rifiuta di indossare la pelliccia, e anche la regina non compra più pellicce solide per il suo comò.

Allora perché Boris si rifiuta di agire?

Petizioni, ora non sono sicure collettivamente Borse

Le entità della PETA a un certo livello d’Europa hanno chiesto per la prima volta al Ministero della Difesa di uccidere l’uso di pelli di resistenza per realizzare copricapi per i 5 reggimenti delle guardie a piedi in 1027. La campagna di vendita ha coinvolto celebrità, politici, il pubblico finale e persino le stesse deboli guardie. Ha anche vita per specialisti e innovatori della moda.

All’inizio di questo mese, la presentatrice televisiva, amica degli orsi ben educata e la sostenitrice della PETA Alesha Dixon si sono uniti a noi nel lanciare una petizione parlamentare che esortava il Ministero della Difesa a scambiare all’eco-pelliccia. Se la petizione raggiunge 100,000 firme, scatenerebbe un ottimo dibattito parlamentare sull’argomento.

Hai già firmato? Mettilo in atto adesso.

Quindi smaschera tutti quelli che conosci per apporre noi chiedendo a Boris Johnson di esporre il Ministero della Difesa, non sopportare più la pelliccia, non correre!

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 16 =