quando-il-cancro-nei-cani-non-e-solo-sfortuna

Golden Retriever being examined by veterinarian

Thinkstock

I Golden Retriever americani sono più inclini all’emangiosarcoma rispetto a U.Sufficient. d’oro. Ciò implica che il rischio del tumore letale è detto di un’alterazione genetica.

Non molto tempo fa ho scritto riferendosi alla fortuna casuale ostile ideale tranquillamente l’evento di molti cani cancri. Sebbene il confronto onesto abbia dimostrato che un lancio di dadi determina la maggior parte delle condizioni di cancro, c’è un luogo in cui l’incidenza del cancro non è più una caratteristica di una fortuna ideale ostile, ma di qualcosa di più concreto: la genetica. Per quanto riguarda il mio articolo precedente, ho creduto che sarebbe stato essenziale capire perché è così e anche pensare che, se c’è un lato positivo qui, è che la predisposizione per la costruzione del cancro tra alcune razze potrebbero anche fornire ai ricercatori strumenti per aumentare il concetto di cancro nei cani e nell’uccidere le persone.

Un pool genetico chiuso

Dal punto di vista genetico, ogni razza di cane di razza è una popolazione chiusa e isolata. Poiché un cane registrato deve occupare antenati che sono stati registrati in modo efficace, nessun nuovo gene entra in una popolazione di cani di razza pura, ad eccezione di eventualità inaudite sancite dal registro di razza. Ogni cane di razza è un parente, anche se molto lontano, dei cani assortiti all’interno di quella razza. Poiché la maggior parte dei cani non viene allevata in alcun modo, ma in sostituzione vive la propria vita come animali domestici, il “pool genetico del cane” rimane in qualche modo in miniatura. L’allevamento selettivo per ogni registro mantiene il muso del Bovaro del Bernese, la colorazione del mantello color mogano del Vizsla ungherese e la pelliccia soffice e senza sole del Flat-Coated Retriever. Poi ancora una volta, i geni che amplificano il rischio di un cane di sviluppare il cancro sembrano anche essere etichettati insieme ai geni che aiutano a tenere d’occhio le cose che amano le sfaccettature del viso, la colorazione del mantello e la morbidezza del pelo. Questi geni collocano queste tre razze in cima alla lista di controllo dei cani con un rischio elevato di sviluppare alcuni tipi di cancro.

Un patrimonio genetico simile

Se c’è un lato positivo nella minuscola diversità genetica dei cani di razza, è il loro potenziale insuperabile per chiarire la genetica di diversi tumori e diverse malattie ereditarie. L’uso della procedura del genoma del cane e degli enormi cespugli domestici di cani di razza, il DNA di cani con un rischio eccessivo di sviluppare un cancro grossolano innegabile è rispetto ai cani a basso rischio di sviluppare quel tipo di cancro. Le differenze genetiche conosciute sono apparentemente aree del genoma dei cani dove si trovano i geni per un elevato rischio di cancro. Una volta che i geni sono noti, le valutazioni devono essere sviluppate e analizzate in modo da incoraggiare la prevenzione dell’allevamento di determinati cani con i “geni ostili”. Giusto ora, gli scienziati sono ideali sul punto di capire questi geni.

In fase, il generale la discendenza dei cani ha perpetuato mutazioni che amplificano il rischio o proprio in questo momento innescano il cancro. Analisi genetica delle presentazioni di lupi e cani divergenza dei cani dai lupi ancestrali intorno 11,000 a 16,000 anni fa. Le ex razze australiane e africane, equivalenti al Dingo e al Basenji, erano ovvie circa 2, 000 per alcuni, 000 anni fa, ma molte delle razze tipiche di cani, amano i mastini e i cani da pastore, sono innovazioni piuttosto recenti nell’allevamento di cani, derivanti solo da istanze vittoriane.

La Comunità Mastiff, che per capacità genetiche qui è diversa dalle ormai consolidate squadre di trasporto, lavoro e segugio che prendiamo in razze di storie organizzate in presentazioni di cani, è un raggruppamento geneticamente ovvio di cani associati. Questa comunità di mastini contiene diverse razze di cani geneticamente associate che presentano un elevato rischio di cancro. A titolo illustrativo, i pugili sono inclini ai tumori dei mastociti, i canini di montagna bernesi al sarcoma istiocitico, i Golden Retriever al linfoma e all’emangiosarcoma e i rottweiler all’osteosarcoma. La giusta anomalia genetica che porta ad un elevato rischio di cancro in queste e diverse razze predisposte è equilibrata sotto un’intensa indagine e supportata dall’American Kennel Club’s (AKC) Canine Successfully being Basis e Morris Animal Basis, per nominare due dei più agenzie di finanziamento critiche tranquillamente questo confronto innovativo.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 5 =